Home Estero “Troppo truccata” e la teenager fu costretta a scendere dal bus

“Troppo truccata” e la teenager fu costretta a scendere dal bus

CONDIVIDI

La tessera coi dati anagrafici val meno del trucco in faccia alla teenager che quindi deve pagare per intero il biglietto oppure scendere dal bus.

Con questa motivazione che un controllore della National Express ha costretto un’adolescente inglese a scendere dal bus sul quale viaggiava e a continuare a piedi il percorso di 4 miglia per il centro di Birmingham, dove era diretta.

Icotea

Protagonista della singolare vicenda è un 15enne che ha raccontato la sua storia al Mirror di Londra.

Zara, che ha dovuto anche pagare una multa di ben 35 sterline, è stata letteralmente buttata fuori dall’autobus di linea il 22 dicembre scorso perché ‘non sembrava una bambina’. Colpa, secondo la controllore donna che ha deciso di allontanarla, di un eccessivo make up e dell’impossibilità della ragazza di dimostrare l’età anagrafica perché sprovvista di documenti d’identità.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

“Quando il controllore mi ha chiesto il biglietto e io l’ho mostrato – ha raccontato Zara – non mi sarei mai sognata che ci sarebbero stati problemi. Mi ha chiesto quanti anni avessi e io le ho risposto, poi mi ha chiesto di scendere dall’autobus. Si rifiutava di credere che avessi solo 15 anni. Mi ha detto ‘guarda come sei ridotta, con tutto quel trucco, tu non hai 15 anni'”.

Un’accusa alla quale Zara ha tentato di replicare mostrando alla donna le foto fatte a scuola insieme ai compagni di classe pochi giorni prima, ma senza risultati: “Il bus era pieno, tutti i presenti mi stavano guardando ed io ero imbarazzata. Lei continuava a discutere con me con un tono intimidatorio e aggressivo. Mi ha detto ‘sei mai stata cacciata da un bus prima d’ora?’ e io ho risposto che non era mai successo, ma in compenso il mio biglietto era stato controllato molte volte”.

Un’esperienza ‘totalmente spaventosa’ per Zara, tanto da impedire alla ragazza di prendere il bus successivo, terrorizzata dalla possibilità che l’episodio si potesse ripetere.

Un portavoce della compagnia di bus ha intanto fatto sapere che è in corso un’indagine sull’accaduto.