Home Archivio storico 1998-2013 Generico Accordo tra Poste Italiane ed Unicef per le scuole in Africa

Accordo tra Poste Italiane ed Unicef per le scuole in Africa

CONDIVIDI
  • Credion

La beneficenza è di case nelle poste. Nello scorso mese di settembre Poste Italiane aveva aderito alla raccolta fondi promossa dall’Unicef a sostegno del progetto “ACSD – Strategia accelerata di sopravvivenza e sviluppo dell’infanzia” con l’iniziativa denominata “dona il resto”.

Ogni cliente poteva devolvere il resto di qualsiasi operazione postale  per contribuire a ridurre il tasso di mortalità infantile in sei paesi africani (Benin, Repubblica Democratica del Congo, Ghana, Guinea Bissau, Senegal e Togo).
Adesso Poste Vita, la campagna assicurativa del Gruppo Poste Italiane, ha deciso di devolvere fino al prossimo 31 dicembre 2008 un quota delle commissioni di sottoscrizione dei propri prodotti alla campagna Unicef “Scuole per l’Africa”.
Il progetto umanitario internazionale, portato avanti anche dalla Nelson Mandela Foundation e dalla Hamburg Society, ha l’obbiettivo, si legge in una nota, di innalzare al 75% il tasso d’iscrizione scolastica, soprattutto per le bambine, costruendo nuove scuole e migliorando la qualità dell’insegnamento grazie a corsi di aggiornamento per 18mila insegnanti. Non bisogna tralasciare che stiamo parlando di paesi dell’Africa sub sahariana dove un bambino su tre non va a scuola.

E’ quindi una bella sfida quella lanciata dall’Unicef e che Poste Italiane, con grande spirito umanitario, ha voluto raccogliere.