Home Concorsi Concorso scuola straordinario, per i vincitori niente trasferimento per 5 anni

Concorso scuola straordinario, per i vincitori niente trasferimento per 5 anni

CONDIVIDI

Nonostante sia saltato l’incontro Miur-sindacati del 7 gennaio, resta ottimismo in merito al concorso straordinario secondaria, specie per quanto riguarda le tempistiche delle immissioni in ruolo. Tuttavia, è bene specificare cosa prevede il decreto scuola, una volta che i vincitori saranno assunti.

Concorso straordinario secondaria: blocco ci cinque anni per i vincitori

I vincitori del concorso scuola 2020 riservato non potranno chiedere domanda di mobilità per i cinque anni successivi alla nomina: a decorrere dalle immissioni in ruolo disposte per l’anno scolastico 2020/2021, i docenti a qualunque titolo destinatari di nomina a tempo indeterminato possono chiedere il trasferimento, l’assegnazione provvisoria o l’utilizzazione in altra istituzione scolastica ovvero ricoprire incarichi di insegnamento a tempo determinato in altro ruolo o classe di concorso soltanto dopo cinque anni scolastici di effettivo servizio nell’istituzione scolastica di titolarità, fatte salve le situazioni sopravvenute di esubero o soprannumero.
Ciò quindi significa che una volta assunti da concorso straordinario secondaria, non si potrà chiedere il trasferimento per cinque anni.

Attenzione però: tale vincolo quinquennale non si applica al personale di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 purché le condizioni previste siano intervenute successivamente alla data di iscrizione ai rispettivi bandi concorsuali ovvero all’inserimento periodico nelle graduatorie permanenti.

ICOTEA_19_dentro articolo

Concorso scuola 2020: chi viene assunto è cancellato dalle graduatorie

Inoltre, è bene ricordare che “l’immissione in ruolo comporta, all’esito positivo del periodo di formazione e di prova, la decadenza da ogni graduatoria finalizzata alla stipulazione di contratti di lavoro a tempo determinato o indeterminato per il personale del comparto scuola, ad eccezione di graduatorie di concorsi ordinari per titoli ed esami di procedure concorsuali diverse da quella di immissione in ruolo”.

Pertanto, i vincitori del concorso docenti riservato, una volta completato l’anno di prova, verranno cancellati da qualsiasi graduatoria in cui si trovavano precedentemente.

Quale servizio è valido per il concorso scuola 2020 riservato?

Come sappiamo, potranno partecipare al concorso docenti 2020 riservato i candidati in possesso dei seguenti requisiti:

  • dal 2008/2009 al 2018/2019. Chi conclude la terza annualità nel 2019/2020 partecipa con riserva
  • uno dei predetti tre anni deve essere specifico, ossia svolto nella classe di concorso per cui si partecipa.
  • Potranno partecipare, anche se solo ai fini dell’abilitazione, i docenti che hanno maturato il servizio di tre anni nella scuola paritaria.

Per i posti di sostegno è necessario avere, oltre ai seguenti requisiti di servizio, la specializzazione sul sostegno.

 

TUTTO SUL CONCORSO STRAORDINARIO

PREPARATI CON I CORSI DELLA TECNICA DELLA SCUOLA

 

Leggi anche

Concorso straordinario secondaria, vale l’anno di servizio 2019/2020
Concorso straordinario scuola secondaria, vale il servizio misto
Concorso scuola straordinario, ecco dove sarà bandito
Cosa studiare per il concorso straordinario scuola secondaria
Concorso scuola secondaria straordinario e ordinario: docenti con requisiti partecipano ad entrambi