Home Politica scolastica Contratto, Fedeli: rinnovo elemento di serietà. Ma è rebus aumento

Contratto, Fedeli: rinnovo elemento di serietà. Ma è rebus aumento

CONDIVIDI

“Dobbiamo essere tutti insieme, e io mi prendo la mia di responsabilità, anche per il rinnovo dei contratti di tutta la filiera del sapere. E’ un elemento di serietà”. Così si è espressa la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, in occasione della firma di un protocollo di intesa con la Uil per l’attuazione di percorsi di alternanza Scuola-Lavoro.

Fedeli: lo avevo promesso al mio arrivo

Poi la responsabile del Miur ha ricordato di averlo “detto dall’inizio del mio mandato: sta agli atti della comunicazione che ho fatto alle Camere ed è anche il lavoro che stiamo facendo tutti insieme”.

Incrementare gli stipendi e rinnovare il contratto, sempre per la Fedeli, “non solo è un atto dovuto, perché sono 10 anni che non c’è” ed è un “errore”. Ma, ha concluso, “se punti sulla qualità dei percorsi formativi, devi riconoscere e rinnovare i contratti per tutte le figure professionali di questi settori”.

In mezzo alla notizia

Al momento non si arriva a 85 euro

Il problema, ora, è l’entità degli aumenti in arrivo: al momento, infatti, sarebbero assicurati solo 76 euro medi a lavoratore. E nemmeno per tutti, perché diventa sempre più probabile, in fase di contrattazione, legare parte degli aumenti al merito. E stoppare gli incrementi stipendiali a “pioggia”.

Delle circostanze che per i lavoratori della scuola, che negli ultimi anni hanno perso oltre 2mila euro medi di compensi annui, non sono proprio dettagli.

CORSI PRESENZA SOTTO NOTIZIA