Home sos genitori Da Fiorello alla Hunziker, esperienze di genitori con figli in DaD

Da Fiorello alla Hunziker, esperienze di genitori con figli in DaD [VIDEO]

CONDIVIDI
  • GUERINI

Già qualche giorno fa, in pieno Festival di Sanremo lo showman Fiorello aveva parlato, in conferenza stampa, della sua dolorosa esperienza di padre di una adolescente in DaD. “Non è un dolore ma di più,” sottolinea Fiorello, che in modo empatico si pone nei panni della figlia, costretta a rinunciare a una parte estremamente importante della propria vita, quella scolastica in presenza, tra socializzazione e interrogazioni. “E provo ancora più dolore perché si stanno abituando”, osserva con rammarico.

E dopo di lui, anche Aurora Ramazzotti, figlia di Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti, torna sull’esperienza della DaD, rendendo protagoniste le piccole sorelle, Celeste e Sole, 6 e 7 anni, chiedendo loro di esprimersi sugli avvenimenti degli ultimi mesi, filtrati dalla dolcezza e dalla spontaneità di cui solo i bambini sono capaci.

Icotea

Un’intervista che vuole essere un invito-augurio a riaprire le scuole, per lo meno per i piccoli e piccolissimi, perché non vengano troppo destabilizzati e deprivati da eventi che non possono spiegarsi fino in fondo. La mancanza di libertà, la voglia di una scuola dal vero, il tempo da dedicare a tutta la famiglia, costituiscono le grandi privazioni delle due bambine, cui si augurano di potere rimediare al più presto, lanciando un messaggio di speranza anche ai propri coetanei.

Entrambe le sorelline hanno chiarissimo il significato di distanziamento, sebbene alle volte, ammettono le piccole, è difficile mantenerlo.

Una conversazione tra sorelle, che ha del commovente: “Mi mancano i miei compagni,” confessa Celeste, anche lei turbata da un apri e chiudi che riguarda la maggior parte degli alunni delle scuole. “Ero contenta quando sono tornata a scuola perché giocavo con i miei amici.”

Così Sole: Quando faccio la didattica a distanza mi viene il mal di testa di notte. A me piace fare scuola dal vero.”

LEGGI ANCHE