Home Attualità Didattica a distanza ed esame di stato: se tutti promossi, tempo sprecato?

Didattica a distanza ed esame di stato: se tutti promossi, tempo sprecato?

CONDIVIDI

Se la scelta della didattica a distanza è l’unica via percorribile, in un momento così buio per la scuola italiana, tonano al pettine nodi che, se per un verso ormai sarà difficile sbrogliare, in funzione soprattutto degli esami di stato, e dall’altro si impigliano con  una realtà assai diversa da quella immaginata da tanti.

BOZZA DEL DECRETO 

Le linee guida proposte dal Miur

Posto che già il Ministero ha stabilito che la Dad non può limitarsi all’invio di compiti, ma che servono spiegazioni e interazioni, facendo il possibile perché sia didattica a tutti gli effetti, e che occorre continuare a valutare gli studenti, perché non c’è didattica senza valutazione, si chiedono molti osservatori, fra cui la Fondazione Agnelli:  perché questa scelta della Ministra di promuovere tutti agli esami di stato, soprattutto dopo gli evidenti sforzi effettuati da insegnanti, alunni (la gran parte, almeno da ciò che risulta, mentre un buon 20% sarebbe escluso per una serie di motivi) e famiglie? Ma anche il Governo, bisogna dirlo, ha fatto la sua parte, finanziando 80 milioni di euro per la scuola.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il senso della fatica della scuola per la Dad

E inoltre. Qualora si rientrasse a scuola dopo il 18 maggio e quindi, ha chiarito la Ministra, gli esami venissero condotti solo oralmente, ma solo per omaggiare -si fa capire- una semplice formalità, vista la sicura promozione, che senso avrebbe avuto tutto questo sforzo e tutto questo tempo impiegato a mettere in moto un meccanismo così complesso e mai usato prima come la Dad?

Se poi si considera che ormai quasi il 99% dei candidati, in tempi “normali”, supera l’esame di stato e che il voto di diploma non è preso in considerazione né dal datore di lavoro né, o molto poco, dalle università, perché impelagarsi in un rito che già sembra di per sé poco proficuo?

Non si può lasciare la scuola allo sbando

Sicuramente, non si poteva lasciare la scuola allo sbando, consentendo cioè che a casa ciascuno (docenti, alunni, dirigenti) disarmasse l’impegno, ma nello stesso tempo forse sarebbe stato meglio trovare uscite più incisive, non solo per continuare a motivare i ragazzi, ma anche per imprimere una diversa svolta alla didattica più attinente alle tecnologie in uso.

In Cina, fa notare la Fondazione Agnelli, il durissimo esame di ammissione all’università, e che ogni anno riguarda 9 milioni di studenti,  è stato rimandato: perchè allora, si chiede Gavosto, non rimandare anche da noi l’esame di stato che riguarda 500 mila studenti?

Le vie giudiziarie di chi è respinto

Ma non solo, c’è pure il rischio, a nostro parere, che qualche consiglio di classe, nel timore di venire coinvolto in qualche procedimento giudiziario da parte di un studente respinto, blocchi perfino la legittima pretesa dei colleghi in minoranza di fermare candidati particolarmente impreparati.

Il candidato e l’autorevolezza dello Stato

È vero, come sosteneva la ministra Azzolina, che dopo cinque anni di scuola fermare un alunno agli esami apparirebbe quantomeno strano, ma è anche vero che essi, gli  esami, sono un momento di ulteriore formazione e di verifica importante, rappresentano il primo grande scoglio nella vita dei futuri cittadini e sono pure la prima vera percezione dello Stato da parte degli alunni nella persona dei commissari che lo rappresentano.

Leggi anche

Didattica a distanza obbligatoria, ma tocca precisare meglio: quando entrerà a regime?

Decreto scuola, via libera all’assunzione di più 4mila docenti: sono i posti di quota 100

Decreto scuola, esami terza media: se non si torna entro il 18 maggio ci sarà solo una tesina

Decreto scuola, via libera del governo: confermati due scenari per la maturità

Didattica a distanza, sarà obbligatoria e non più consigliata

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Nuovo Modello Autodichiarazione 26.03.2020 Editabile

LE FAQ UFFICIALI

Coronavirus e scuole chiuse, tutto quello che c’è da sapere: norme