Home Attualità Didattica a distanza per gli alunni disabili, i docenti di sostegno: serve...

Didattica a distanza per gli alunni disabili, i docenti di sostegno: serve empatia e tanta “presenza”

CONDIVIDI

L’emergenza coronavirus e la conseguente sospensione delle attività didattiche hanno portato gli insegnanti italiani ad adottare, seppur con molte difficoltà, la didattica a distanza.

La nostra testata sta raccontando di tantissimi esempi sparsi in tutta Italia in cui docenti di ogni ordine e grado stanno provando a mantenere viva l’attività didattica utilizzando quello che hanno a disposizione e spesso anche facendo ricorso alla propria inventiva.

Uno dei primi problemi legati alla didattica a distanza, segnalato anche in precedenza, è la modalità da attivare con gli alunni disabili: infatti, non è semplice continuare a fare lezione con alunni autistici, ad esempio, se non si è in presenza.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ciò però non sta scoraggiando gli insegnanti, specialmente quelli di sostegno, che se dal punto di vista didattico sono ancora in rodaggio, dal punto di vista emotivo ed empatico stanno facendo l’impossibile per non far mancare il loro supporto e la loro presenza agli alunni disabili.

Abbiamo raccolto, grazie all’aiuto del MiSoS, l’associazione docenti specializzati di Sostegno, alcune testimonianze di come questi docenti stiano portando avanti la loro didattica.

 

Didattica a distanza, nuovo webinar con Michele Maffucci [VIDEO]

 

Il sostegno ai tempi del Coronavirus va oltre il tempo e lo spazio, usa ogni mezzo e arriva ai nostri ragazzi speciali. Sono Daniela, insegnante specializzata su sostegno, lavoro in un istituto superiore: la mia alunna che chiameremo Maria ha un ritardo medio-grave ed è molto legata a me, mentre la classe ha uno spazio virtuale dove incontrarsi lei no. Allora mi sono inventata un metodo che mi permettesse ora più che mai di essere il collegamento fra Maria e la classe: ogni giorno le mando schede e lavoretti da svolgere oltre che filmati didattici in modo da curare la didattica, Maria è parte attiva di questa situazione nel momento in cui mi rimanda il feedback del lavoro svolto attraverso le foto del suo quaderno. Il tutto è accompagnato da continui messaggi vocali e foto che vanno dal semplice “ti voglio bene” passando per i diversi “mi manchi professoressa” per poi arrivare a “lavoriamo per stare vicini anche da lontano”. Tutti i nostri lavori lì sto raccogliendo in una cartella che inserirò sulla piattaforma virtuale così anche Maria ci sarà“.

Sono una docente incaricata di scuola primaria, specializzata sul sostegno, quest’anno sto lavorando su un bambino autistico di 6 anni, in una classe prima. Il bambino non ha particolari problemi a livello cognitivo, le difficoltà riguardano prevalentemente l’area relazionale e l’area linguistica. Per quanto concerne, l’ambito didattico- disciplinare, a causa di una scarsa disponibilità di mezzi, non è stato possibile attuare una classe virtuale, ad ogni modo, la scuola si è attivata per promuovere un percorso di didattica a distanza. Attraverso il registro elettronico e il sito della scuola, stiamo inviando compiti e attività, che concordiamo telefonicamente, effettuando una programmazione a distanza. Il mio alunno segue la programmazione di classe. Oltre all’aspetto didattico-disciplinare, così come avveniva anche a scuola, il mio lavoro è sempre stato improntato sulla costruzione di una positiva relazione educativa; utilizzando modalità differenti di comunicazione e di linguaggio. In tal senso, mi sono attivata anche in questa circostanza, non facile, soprattutto per bambini che hanno patologie come l’autismo: appena appresa la notizia della chiusura, mi sono accordata con la madre per una videochiamata, poiché per i bambini autistici è fondamentale il contatto visivo;  ho spiegato al mio alunno i motivi per i quali non stavamo andando a scuola e soprattutto, lui ha potuto vedere che io “non ero sparita”, come lui stesso mi aveva fatto notare. Così, anche in accordo con la madre, abbiamo preso l’impegno di sentirci quotidianamente, attraverso messaggi vocali, nel quale il bambino mi racconta la sua giornata, in modo da favorire sia l’aspetto comunicativo, che relazionale. Infine, è da sottolineare che l’alunno, com’è possibile avvertire dal vocale, fa uno sforzo enorme nell’esprimersi, nonostante ciò, è contento di farlo, ed essendo anche oppositivo, posso assicurare che è molto difficile fargli fare qualcosa che non vuole. Ciò dimostra che la scuola, intesa come struttura, i libri, intesi come contenuti, non sono sufficienti, a mio avviso, se non c’è passione, professionalità, e se non si hanno competenze relazionali, nonché continuità didattica, è molto difficile che un docente possa riuscire“.

 

Abbiamo anche la testimonianza di una mamma che sta assistendo il proprio figlio a mantenere un “contatto” con i suoi docenti: “Sono la mamma di un ragazzo che frequenta la quarta superiore: Mio figlio è sempre in contatto con l’insegnante di sostegno, sia via whatsapp, email ed in collegamento video su Google Meet, non è mai stato lasciato solo, mai è venuto meno il supporto sostegno e l’empatia tanto necessaria in questo momenti di smarrimento. Collegati al pc fanno lezione, gli fa vedere lo schermo del suo pc per guidarlo nella conoscenza dei nuovi programmi dove dovrà studiare, visionare video ecc. E’ lui che gli fa il differenziato e gli prepara tutto il materiale in collaborazione con tutti gli altri docenti di classe. Anche se sente tanto la mancanza del contatto (lui adora andare a scuola) sente tantissimo la vicinanza dell’insegnante e quando lo ha contattato per spiegarli come collegarsi in video con lui … beh ha fatto un sorriso che non vi dico. Poi gli invia domande giuda per far sì che elabori meglio un riassunto sul lavoro svolto e valutarne la comprensione. Contento e soddisfatto lui e serena io. Grazie a tutti voi insegnanti di sostegno per aver capito quanto la vostra “presenza” sia importante per i nostri ragazzi“.

 

Gli insegnanti di sostegno nonostante le difficoltà e le distanze di questi giorni, rimangono vicini empaticamente ai loro alunni, creando un ponte tra il docente, l’alunno e la famiglia trasmettendo non solo la didattica personalizzata calibrata alle loro esigenze formative ma soprattutto dando supporto emotivo in questo particolare momento storico che tutti stiamo vivendo“, scrive il presidente MiSoS Ernesto Ciracì, che invita tutti i docenti di sostegno quantomeno a telefonare o attivare videochiamate con i propri alunni per far sentire la propria vicinanza: “Nonostante le difficoltà di attuare il processo inclusivo che adoperiamo nelle nostre scuole, gli insegnanti di sostegno ritengono fondamentale mantenere e coltivare le relazioni con i propri alunni e l’alleanza educativa con la famiglia. Anche se distanti noi siamo vicini”, prosegue Ciraci che conclude: “Rivolgiamo un ringraziamento a tutto il personale scolastico per il loro impegno a mantenere attivo e vivo il percorso didattico educativo“.

 

VAI ALLA PAGINA DEDICATA ALLA DIDATTICA A DISTANZA

 

Le esperienze di didattica a distanza raccontate dalla Tecnica della Scuola

Didattica a distanza anche con disabili e Bes. L’esperienza in provincia di Mantova
Didattica a distanza, l’esperienza di un liceo di Parma della rete Avanguardie Educative
Didattica a distanza, un esempio per restare i punti di riferimento dei nostri alunni
Didattica a distanza, l’esperienza di due licei di Catania [INTERVISTA]
Didattica a distanza, l’esperienza di un istituto comprensivo di Modena
Didattica a distanza: manteniamo una relazione viva con gli studenti. Esperienza del “Tosi” di Busto Arsizio [VIDEO]
Didattica all’aria aperta contro il coronavirus
Didattica a distanza, l’esperienza di una scuola di Paternò (Catania)
Didattica a distanza, l’esperienza di un Comprensivo di Siracusa
Didattica a distanza, gli alunni riescono a seguirla? L’esperienza di una scuola toscana