Home Archivio storico 1998-2013 Generico EQF, titoli italiani e corrispondenze europee: accordo in Conferenza Stato-Regioni

EQF, titoli italiani e corrispondenze europee: accordo in Conferenza Stato-Regioni

CONDIVIDI
  • Credion
La Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’Unione Europea del 23 aprile 2008 ha istituito l’European Qualification Framework (EQF) per “un quadro di riferimento comune che funga da dispositivo di traduzione tra i diversi sistemi delle qualifiche e i rispettivi livelli, sia per l’istruzione generale e superiore sia per l’istruzione e la formazione professionale”.
Il Quadro europeo delle qualificazioni serve pertanto come strumento di riferimento per confrontare i livelli delle qualificazioni dei diversi sistemi nazionali e “per promuovere sia l’apprendimento permanente sia le pari opportunità nella società basata sulla conoscenza”.
Nel Quadro Europeo EQF (anche indicato con la sigla QEQ) sono  indicate le corrispondenze dei titoli di studio italiani nell’ambito degli otto livelli previsti (elencati in un report sull’argomento pubblicato sul sito della Uil Scuola).

Secondo quanto convenuto nella Conferenza Stato-Regioni, nel 2013 dovranno essere adottate le misure necessarie affinché dal 1° gennaio 2014 tutte le certificazioni delle qualificazioni rilasciate in Italia ricomprese nell’elenco riportino un chiaro riferimento al corrispondente livello dell’EQF per l’apprendimento permanente; inoltre, sarà  curata la traduzione in lingua inglese, avente valore legale, delle qualificazioni italiane referenziate all’EQF, ai fini della loro maggiore portabilità e spendibilità nel contesto europeo;
L’accordo dovrà essere recepito con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca.