Home Politica scolastica Fedeli: insegnare è una professione non una missione, sbaglia chi pensa che...

Fedeli: insegnare è una professione non una missione, sbaglia chi pensa che è solo per donne

CONDIVIDI
  • Credion

Sbaglia chi pensa che l’insegnamento sia una missione: chi forma i giovani svolge una professione rilevante che richiede delle competenze adeguate.

A sostenerlo è stata la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, durante un incontro alla Cgil, tenuto il 12 luglio.

Icotea

Parlando della composizione del corpo  insegnante italiano, a forte maggioranza femminile (soprattutto nel primo ciclo) e le sue caratteristiche, la responsabile del Miur ha tenuto a dire che “storicamente nella scuola italiana si è pensato che siccome sei donna sembra quasi che hai caratteristiche ‘naturali’ per esercitare una funzione con bambini di minore età, nella scuola dell’infanzia o primaria”, considerando l’insegnamento come una missione e non come una professionalità.

 

{loadposition carta-docente}

 

Ecco chiarito, quindi, il concetto espresso qualche giorno fa sempre dalla ministra, a proposito del fatto che in Italia insegnerebbero pochi uomini anche perché gli stipendi sono esigui.

“Questo è un primo limite storico: il fatto di non considerare il rapporto educativo come un percorso che va da 0 anni” fino alla fine del percorso di studi: “ogni rapporto educativo è competenza e professionalità”, ha detto ancora la Fedeli.

Per poi concludere, ribadendo che “ogni rapporto educativo ha bisogno di competenza, professionalità e studio: quella dell’insegnante è una delle professionalità più importanti per il paese, perché strettamente collegata alla sua crescita”.

 

{loadposition facebook}