Home Politica scolastica Legge di bilancio 2020: Fioramonti ministro più di lotta che di Governo...

Legge di bilancio 2020: Fioramonti ministro più di lotta che di Governo [VIDEO]

CONDIVIDI

Ormai non ci sono dubbi: Lorenzo Fioramonti è Ministro più di lotta che di Governo.
All’indomani della presentazione della legge di bilancio alle Camere, il Ministro ha dichiarato: “Lo stanziamento per la scuola è insufficiente, daremo battaglia in Parlamento”.
L’affermazione è un po’ difficile da comprendere perchè non si capisce nè chi sia il “noi” del “daremo battaglia”, nè tantomeno si comprende contro chi Fioramonti voglia aprire il contenzioso.
Contro il Governo, e cioè contro se stesso.

Vedremo cosa succederà nel corso del dibattito al Senato che già in questi giorni sta avviando l’esame del provvedimento.
Secondo le prime indiscrezioni, sembra che in Commissione Cultura la stessa maggioranza di Governo, e il M5S in particolare, sia già pronta a presentare diversi ordini del giorno.
Ma è bene precisare fin da ora che, normalmente, gli ordini del giorno non sono determinanti soprattutto se prevedono impegni di spesa significativi.
La Lega, per parte sua, sembra invece intenzionata a chiedere fondi per il potenziamento nella scuola dell’infanzia.
La battaglia storica del M5S contro le classi pollaio sembra invece accantonata, almeno per ora.
Anche i soldi per i contratti pubblici sono scarsi, secondo i sindacati non si arriva a 80 euro mensili e forse non ci saranno neppure quelli perchè lo stanziamento dovrà servire anche per confermare l’elemento perequativo e l’indennità di vacanza contrattuale.

ICOTEA_19_dentro articolo

IL TESTO DELLA LEGGE DI BILANCIO AL SENATO

Leggi anche

Legge di Bilancio, Fioramonti: “Tassa sui biglietti aerei per finanziare la scuola”
Fioramonti: “Pagare di più i docenti, situazione attuale è imbarazzante”
Fioramonti illustra in Parlamento le sue linee programmatiche [VIDEO]
Fioramonti: “Non sono stato coinvolto nella stesura della Legge di Bilancio”
Legge bilancio 2020: contratti a parte, per la scuola ci sono 43 milioni di euro (di cui 30 per i ds)