Home Personale Pensioni quota 100, a pagare sarà ancora una volta il personale scolastico

Pensioni quota 100, a pagare sarà ancora una volta il personale scolastico

CONDIVIDI

La Cgil Funzione Pubblica dell’Ufficio Scolastico di Milano, in riferimento alla recente circolare operativa sui pensionamenti del personale della scuola dal 1° settembre 2019, a seguito delle novità introdotte dal decreto-legge 4/2019 (quota 100, opzione donna, ecc.), in una nota, denuncia una situazione iniqua per il personale della scuola.

Tale velleitario ed inconcepibile scadenziario, scaturito da accordi MIUR- INPS, accordi peraltro di anno in anno sempre più pressanti e vessatori nei confronti dei Settori Pensioni degli UST, pone seri dubbi sulla conoscenza delle parti relativamente alle procedure per l’emanazione dei decreti pensionistici, considerata anche la carenza di personale negli UST, più volte rappresentata.

Si constata come si perpetui un atteggiamento di acritica accondiscendenza ai dettami dell’INPS e supina adesione alle scadenze imposte, sempre a discapito dei lavoratori del MIUR.

ICOTEA_19_dentro articolo

Tanto che, nella suddetta Circolare, si parla di: “Ambiti territoriali provinciali del MIUR  che dovranno definire, con la massima sollecitudine, i provvedimenti cd “ante subentro”, mentre  “in caso di mancato rispetto di tale tempistica, l’INPS non potrà effettuare i propri adempimenti”, scaricando la responsabilità sugli UST.

E’ doveroso ricordare che lo scorso anno, nonostante l’ufficio abbia rispettato i termini stabiliti, l’INPS non è stata in grado di rispettare i medesimi termini, con gravi ripercussioni sul regolare avvio dell’anno scolastico, ovvero su pensioni, mobilità e organici.

L’invio all’INPS degli atti in formato cartaceo anziché per posta certificata, come previsto dalla circolare n. 4644, oltre ad essere non conforme alla normativa vigente, grava sulle casse del MIUR e fa tornare gli uffici ad una modalità di lavoro obsoleto e poco funzionale, tanté che la circolare recita: gli Ambiti Territoriali dovranno definire i cd provvedimenti  “ante subentro” e trasmetterli con cadenza settimanale all’INPS”. Quindi si intuisce che qualcuno dovrà consegnare “settimanalmente” i decreti cartacei all’INPS, con dispendio di ulteriori energie.

E’ sorprendente come non si sia fatto tesoro dell’esperienza dello scorso anno che, in modo fallimentare, ha contrassegnato le operazioni dei pensionati del personale scolastico, a seguito di accordi promossi a livello locale da alcuni UST con l’INPS e, da quest’ultimo, puntualmente disattesi.

Essendo realistici, nonostante l’impegno che il personale addetto assicurerà come ogni anno, le scadenze non potranno essere rispettate e anche quest’anno a pagare sarà il personale scolastico che vedrà riconosciuto il proprio diritto, se tutto va bene, con ritardo.

LEGGI ANCHE
Pensioni quota 100, chi lascia a 62 anni avrà l’assegno ridotto di oltre il 20%: l’Inps spiega perché
Pensioni quota 100, guida alla registrazione di Polis-Istanze Online
Pensioni, “febbre” quota 100: già 15 mila domande senza la scuola. Di Maio e Salvini: ora quota 41
Quota 100, vado o non vado? Sindacati presi d’assalto: docenti disamorati, pur di lasciare accettano la pensione ridotta
In pensione con quota 100, la circolare favorisce docenti, Ata e presidi: i sindacati prevedono un esodo
Pensioni quota 100, le info sulla gestione delle domande
Pensioni quota 100, modalità di presentazione delle domande
Pensioni quota 100, le domande per la scuola dal 4 al 28 febbraio. Tutte le info
Pensioni quota 100, in poche ore 800 domande. Salvini: avremo insegnanti più giovani, vogliamo quota 41
Pensioni quota 100, come presentare la domanda. Messaggio Inps [PDF]
Pensioni quota 100, per la Fornero è uno slogan: le regole rimangono quelle, Salvini dice tante bugie
Quota 100, sì del Consiglio dei ministri: 30 mila euro cash di Tfr, in pre-pensione un milione di lavoratori
Quota 100, al Mef i conti non tornano: sino all’ultimo modifiche possibili
Quota 100, conto alla rovescia per il decreto. Cosa accadrà per Tfs dipendenti pubblici 
Pensioni, Di Maio promette: quota 41 si farà. Intanto il 17 gennaio quota 100 arriva in CdM
Pensioni quota 100, il Governo non s’è dimenticato dei docenti: potranno fare domanda sino al 28 febbraio
Quota 100, un bluff? Sinopoli (Cgil): così fanno fuori docenti e Ata, per il Tfr servirà il mutuo
Quota 100, sorridono docenti e Ata: per arrivare a 62 anni e 38 di contributi varrà tutto il 2019
Quota 100 discriminante: in pensione con 38 anni di contributi, no chi ne ha 41. Landini (Cgil): “che c…o di giustizia è?”
Pensioni, quota 100 penalizza Centro-Sud e donne. Di quota 41 si sono perse le tracce
Quota 100, domande a gennaio per lasciare in estate: buonuscita subito con le banche, interessi a carico dei lavoratori
Pensioni, 315mila potenziali quota 100, 120mila solo statali