Home Politica scolastica Regionalizzazione, il destino della scuola nelle mani del governo giallorosso

Regionalizzazione, il destino della scuola nelle mani del governo giallorosso

CONDIVIDI

Uno dei temi più caldi nell’attualità politica, almeno fino al mese di luglio, è stata l’autonomia differenziata.

La Lega, vecchio partner politico del Movimento Cinque Stelle, premeva per accelerare nel cammino della regionalizzazione. Il quadro politico, però, è mutato e già nelle scorse ore sono iniziate le riflessioni sull’argomento.

Che fine farà la scuola nel progetto di regionalizzazione? Lombardia e Veneto avevano proposto l’autonomia differenziata degli insegnanti con due obiettivi: da una parte aumentare i fondi per la contrattazione decentrata, dall’altro, invece, contrastare il fenomeno delle cattedre vuote.

ICOTEA_19_dentro articolo

All’orizzonte, secondo quanto rende noto il Sole 24 Ore, c’è un ripensamento integrale del processo di autonomia differenziata e i tempi sembrano essere abbastanza lunghi.

Non sembra, inoltre, che l’attuale ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, voglia insistere sull’argomento come fatto in passato dal suo predecessore, Marco Bussetti.

Leggi anche
Regionalizzazione, il Pd vuole le gabbie salariali: stipendi più alti a chi insegna in periferia e in scuole difficili
Regionalizzazione scuola, la volete “spinta”, intermedia o “light”? Ogni governatore ha la sua
Regionalizzazione, il via libera di Bussetti: “Si farà, convincerò i sindacati”
Regionalizzazione, il Friuli batte tutti: così sarà la scuola secessionista. I dettagli
La regionalizzazione della scuola uguale alla disintegrazione dell’Italia e dell’istruzione?
Regionalizzazione scuola, parte una petizione per dire no

Le bozze complete

Bozza Veneto (clicca qui)

Bozza Lombardia (clicca qui)

Bozza Emilia Romagna (clicca qui)

Le parti che si riferiscono alla scuola

Bozza Lombardia scuola (clicca qui)

Bozza Veneto scuola (clicca qui)

Bozza Emilia Romagna scuola (clicca qui)