Home Archivio storico 1998-2013 Generico Sicurezza nelle scuole: stanziati più di 9 milioni di euro per interventi...

Sicurezza nelle scuole: stanziati più di 9 milioni di euro per interventi urgenti

CONDIVIDI
  • Credion

Nel dettaglio, le risorse disponibili sui capitoli 7545, 7625, 7645, 7785 del Miur per il corrente esercizio finanziario 2011, e finalizzate appunto alla realizzazione di iniziative a carattere nazionale in materia di sicurezza nelle scuole pubbliche statali dell’istruzione prescolastica, dell’istruzione primaria, dell’istruzione secondaria di I grado e dell’istruzione secondaria di II grado, sono pari, rispettivamente, ad euro 1.063.009,37; euro 3.285.669,84; euro 2.222.658,16; euro 3.092.395,62.

Tali cifre saranno assegnate direttamente alle Istituzioni scolastiche, nel limite massimo di 300.000 euro per ciascun intervento ammesso a beneficio, per cofinanziare i competenti Enti locali nell’attuazione di interventi edilizi finalizzati alla bonifica dell’amianto oppure necessari per l’ottenimento della prevista certificazione in materia di idoneità statica o di prevenzione incendi.
Ciascun Ente non può richiedere più di due interventi, che comunque dovranno essere attivati entro il 31 dicembre 2012.
La richiesta dovrà dunque essere avanzata da Comuni e Province, che dovranno compilare l’apposita attestazione allegata al decreto stesso, indicando l’intervento che si intende attivare, il relativo importo complessivo, la quota facente capo all’Ente medesimo, l’Istituzione scolastica destinataria dell’intervento, l’importo del contributo richiesto e la precisazione che esso sarà puntualmente dedicato a cofinanziare l’intervento per il quale è prevista l’assegnazione.
Qualora i contributi statali assegnati dovessero risultare superiori alle reali necessità di spesa degli Enti beneficiari in rapporto agli interventi realizzati, la differenza rimarrà nei bilanci delle Istituzioni scolastiche interessate, che potranno disporne per le finalità di propria competenza, purché sempre per interventi diretti all’attuazione della normativa in materia di igiene e sicurezza nelle scuole e dandone comunque puntuale comunicazione al Ministero.