Home Attualità Strutture educative per l’infanzia, misure per la riapertura in Europa

Strutture educative per l’infanzia, misure per la riapertura in Europa

CONDIVIDI
  • Credion

Quali soluzioni hanno assunto i Paesi europei, per quanto concerne le strutture educative per l’infanzia, durante il periodo di emergenza in seguito alla pandemia da Covid-19 e nella fase successiva di progressiva riapertura?

Nell’ultima pubblicazione, dal titolo “Misure per la riapertura delle strutture per l’educazione e cura della prima infanzia nell’emergenza Covid-19 in alcuni paesi europei“, Indire offre una lettura dei dati raccolti sul campo dall’Unità italiana di Eurydice e riferiti ai seguenti Paesi: Belgio (Comunità francese), Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Islanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e Spagna.

Icotea

In base all’organizzazione dei singoli Paesi, le misure sono asunte a livello centralizzato (Francia) oppure a livello di singoli Stati regionali (Germania e in Spagna) o autorità educative territoriali (Estonia, Finlandia, Norvegia, Polonia, Slovacchia).

Soluzioni adottate durante il lockdown

Per quanto riguarda la fase di lockdown le misure sono state: la chiusura totale delle strutture o l’apertura parziale, limitando il servizio alle utenze in maggiori difficoltà organizzative, oppure riducendo i tempi di apertura. In pochissimi casi le scuole sono rimaste aperte per tutti.

Misure alla riapertura

Le realtà che hanno riaperto hanno assunto inizialmente misure simili quali:

  1. La rinuncia al distanziamento sociale tra i bambini e tra educatori/trici e bambini, essendo la fascia considerata particolarmente sensibile alle dinamiche relazionali.
  2. Il lavaggio frequente delle mani, ampiamente raccomandato e diventato una vera e propria routine.
  3. Il consumo dei pasti, variamente regolamentato.
  4. L’utilizzo degli spazi all’aperto e di giochi facilmente igienizzabili, spesso raccomandato.
  5. L’organizzazione didattica per piccoli gruppi.
  6. La limitazione del numero di adulti che possono accedere agli edifici.

SCARICA IL RAPPORTO