Home Didattica La didattica a distanza lascia indietro uno studente disabile su quattro: indagine...

La didattica a distanza lascia indietro uno studente disabile su quattro: indagine Lumsa-Fondazione Agnelli

CONDIVIDI
  • Credion

“Nonostante gli sforzi messi in campo dalle scuole, la didattica a distanza (DaD) lascia indietro almeno 1 alunno con disabilita’ su 4”. È quanto emerge dall’indagine preliminare realizzata nell’ambito del progetto ‘Oltre le distanze’, promosso dalla Fondazione Agnelli, l’Università di Bolzano, l’Università Lumsa e l’Università di Trento.

Il questionario online è stato volontariamente compilato da 3.170 docenti curricolari (16%) e di sostegno (84%).

Icotea

La quasi totalità dei rispondenti (9 su 10) lavora presso scuole o enti di formazione regionale che hanno attivato la DaD in modo sistematico.

Le ragioni dell’eventuale mancata attivazione – in tutta la scuola (2%) o in alcune classi (7%) – citate con maggior frequenza rimandano alle scarse dotazioni tecniche delle famiglie, alla mancanza di formazione specifica per i docenti e ritardi organizzativi sofferti da alcune comunità scolastiche.

“Secondo i docenti – si legge nell’indagine – nel 44% dei casi riportati, gli alunni con disabilità sono ben integrati nelle pratiche di DaD della classe, nel 19% dei casi sono stati attivati percorsi di DaD individualizzata”.

Il dato si “aggrava” se si considera che per un altro 10% dei casi il Pei (Piano educativo individualizzato) “non lascia spazio a interventi di sostegno da remoto. La risposta all’emergenza è stata in ogni caso sorprendente se si considera che solo una piccola quota dei docenti (il 14%) dichiara di avere già avuto modo di utilizzare gli strumenti tipici della DaD prima dell’emergenza dovuta alla pandemia del Covid-19”.

Oltre che sui docenti, la DaD pone molta pressione sulle famiglie e non tutte riescono a coadiuvare i figli con disabilità nelle attività da remoto.

“La metà dei docenti (50,3%) sostiene di essere a conoscenza di situazioni di difficoltà presso le famiglie e le ragioni rimandano in particolare alla scarsità di dotazioni (device, connessioni) e competenze informatiche. Tuttavia – continua la ricerca- i docenti rimarcano che un adeguato supporto domestico alla DaD è spesso impedito dallo svantaggio socio-culturale di alcuni contesti familiari, al quale possono sommarsi le difficoltà linguistiche nel caso di nuclei familiari di origine straniera”.

LA SCUOLA CHE VERRÀ

LA TECNICA PER LA SCUOLA

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Nuovo Modello Autodichiarazione 03.05.2020 (Editabile)

LE FAQ UFFICIALI

Coronavirus e scuole chiuse, tutto quello che c’è da sapere: norme