Home Attualità Renzi non si rassegna: la scuola è stata la prima a chiudere...

Renzi non si rassegna: la scuola è stata la prima a chiudere e sarà l’ultima ad aprire, messaggio sbagliato

CONDIVIDI
webaccademia 2020

L’ex premier Matteo Renzi torna a mostrare il suo rammarico per il ritardo della riapertura delle scuole: “Posso dire oggi che a distanza di un mese se pensiamo alla scuola come la prima a chiudere e l’ultima a aprire diamo un messaggio sbagliato alle nuove generazioni: dirlo è fare politica”, ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, parlando al Senato.

In pratica, il politico fiorentino ha confermato di essere preoccupato, come detto quarantott’ore fa, per la “scarsa centralità che è stata data alla scuola da parte del dibattito pubblico in tutto il Paese, non solo tra i politici”.

La didattica a distanza non basta

Un paio di giorni fa, nella sua newsletter, sempre Renzi ha guardato ai possibili danni dovuti allo stop alle lezioni, sottolineando che l’insegnamento per via telematica non può essere sufficiente: bisognava quindi fare del tutto per tornare prima in classe.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Ragazzi – aveva scritto il leader di Italia Viva –, se non si riparte dalla scuola la società di domani non ha futuro io ho provato a dirlo in tutte le lingue, ma praticamente da solo, la didattica a distanza non basta”.

Leggi anche:

Maturità, caccia ai commissari. Rusconi: “Nomine d’ufficio in arrivo, per dire no servirà il certificato medico”

Esami di Stato in presenza, tutti i docenti dovranno essere disponibili

Stop al voto alla primaria, niente elaborato per la “maturità”: lo chiede il CSPI

Esame terza media, tempi più lunghi e peso dell’elaborato nella valutazione: parere CSPI

Maturità, pronto il protocollo di sicurezza: a breve sarà reso noto

LA SCUOLA CHE VERRÀ

LA TECNICA PER LA SCUOLA

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Preparazione concorso ordinario inglese